19 Dicembre 2019

Partendo da uno dei grandi classici della tradizione culinaria toscana, in cui i protagonisti sono il pane raffermo e i pomodori, ti diamo modo di “rielaborare” questo piatto per dare vita a un primo piatto che piacerà a da grandi e piccini: la pappa al pomodoro fritta con mozzarella e pesto.
Segui la nostra ricetta per creare questo piatto sfizioso e ricco di gusto.

Informazioni

  • TEMPO: 50 minuti
  • DIFFICOLTÀ: facile
  • PORZIONI: 8

Ingredienti

  • pomodori maturi: 1/2 kg
  • mozzarella di bufala: 2
  • pane raffermo: 200 g
  • brodo vegetale: 250 ml
  • spicchio d’aglio: 3
  • uovo: 1
  • pangrattato: 200 g
  • pesto alla genovese senz’aglio: 2 cucchiai
  • olio di semi per friggere: q.b.
  • basilico: q.b.
  • olio extravergine di oliva: q.b.
  • sale: q.b.
  • pepe: q.b.

Preparazione della pappa al pomodoro fritta con mozzarella e pesto

  1. Scotta i pomodori in acqua bollente per 10 secondi, elimina la pelle e i semi e tritali in modo grossolano. In una casseruola scalda l’aglio con l’olio, unisci i pomodori e fai cuocere per 10 minuti, poi versa il brodo e aggiungi il pane a fette. Mescola, cuoci per 5 minuti, unisci il basilico spezzettato, copri il tutto e lascia riposare per 10 minuti.
  2. Con una frusta o un cucchiaio di legno mescola rompendo il pane fino ad ottenere un composto omogeneo, poi aggiungi sale e pepe. Versa quindi l’impasto in una pirofila oliata, formando uno strato di 1 cm di altezza. Copri con della pellicola e fai raffreddare in frigorifero.
  3. Taglia la pappa al pomodoro a triangolini, passali nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato, quindi friggili nell’olio di semi bollente e scolali su un foglio di carta assorbente. Servili caldi con tocchetti di mozzarella sopra, qualche goccia di pesto e foglioline di basilico fresco.

developed by Interlaced

Questo sito o gli strumenti di terzi utilizzati al suo interno si avvalgono di cookie per:
– il corretto funzionamento del sito
– generare delle statistiche di navigazione
– mostrarti pubblicità in modo non invasivo
Proseguendo la navigazione su questo sito acconsenti all’uso dei cookie.